I repellenti chimici sono particolari prodotti liquidi le cui essenze risultano estremamente sgradevoli per gli uccelli. Applicati a pennello o con uno spruzzatore lungo le superfici da dissuadere, essi svolgono una graduale azione disabituante, allontanando piccioni ed altri volatili dalle aree trattate.

I prodotti

Esiste sempre una soluzione ad ogni problema

Shop online

Maggiori info

Consultaci per darti consigli e risolvere i tuoi problemi

Contatti

Il principio attivo maggiormente impiegato è il Metilantranilato (Methyl anthranilate, ed il suo derivato Dimethyl anthranilate), il quale rappresenta l’antenato dei moderni aromi artificiali ed è utilizzato in particolare nella produzione industriale di dolciumi e bibite. Questa sostanza acida, dall’odore dolciastro simile a quello dell’uva e contenuta naturalmente in numerosi frutti (nei chicchi d’uva, per l’appunto, ma anche in limoni, mandarini, arance, fragole), costituisce un ottimo repellente per la maggior parte degli uccelli ed è utilizzato con successo in agricoltura per la protezione delle colture di cereali, girasoli, riso e degli arboreti da frutto: trattandosi di un composto alimentare completamente atossico, può essere nebulizzato direttamente sui vegetali in totale sicurezza, rendendo frutta e verdura meno appetibili agli uccelli. Per la dissuasione degli edifici urbani, i repellenti chimici disabituanti sono venduti in piccoli flaconi dotati di spray e già pronti per l’utilizzo, oppure in capienti taniche per la stesura a pennello o con atomizzatore.

I repellenti chimici hanno un costo modesto e non richiedono particolari competenze né l’utilizzo di sofisticate apparecchiature, caratteristiche queste che hanno grandemente favorito il loro impiego nel campo delle dissuasioni domestiche. I prodotti più recenti disponibili in commercio sono stati sottoposti a micro-incapsulazione e garantiscono perciò un’azione repellente per un periodo di circa 5 giorni. Tuttavia, umidità e piogge possono dilavare prematuramente il prodotto, mentre le alte temperature sono causa di rapida evaporazione: è bene quindi, soprattutto nei primi giorni di utilizzo, ripetere con frequenza l’applicazione del liquido repellente (sono consigliate almeno due applicazioni a settimana).

L’efficacia dei repellenti chimici nei contesti urbani è tutt’oggi oggetto di discussione tra gli operatori di settore. La maggior parte delle applicazioni sul campo ha riscosso buoni risultati unicamente in presenza di piccole e medie infestazioni, rivelandosi invece insufficiente a fronteggiare le pressioni più elevate e persistenti. Inoltre, l’effetto dell’essenza odorosa si è dimostrato particolarmente suscettibile alla presenza di smog e pulviscolo, vedendo diminuire la sua efficacia nelle aree più soggette a traffico veicolare ed inquinamento atmosferico.