Lepidotteri

Tignole ed altri Piralidi

Alcuni Lepidotteri sono infestanti specifici delle derrate alimentari ed in molti casi possono assumere una notevole importanza economica. Tra le specie nocive più diffuse in Italia, di maggiore interesse per l’industria alimentare sono senza dubbio quelle appartenenti alla famiglia dei Piralidi.

I prodotti

Esiste sempre una soluzione ad ogni problema

Shop online

Maggiori info

Consultaci per darti consigli e risolvere i tuoi problemi

Contatti

Più comunemente conosciuti con il nome di tignole o tarme del cibo, questi insetti sono infestanti di magazzini, silos, mulini, pastifici, panifici, supermercati ed altri luoghi di lavorazione e stoccaggio degli alimenti di derivazione cerealicola (quali, ad esempio, pasta, farina e frutta secca) sui quali depongono le loro uova, portando a contaminazioni chimiche ed alterazioni organolettiche di interi lotti di prodotto. Anche gli alimenti sigillati possono essere oggetto di infestazione in quanto le larve di questi Lepidotteri, munite di apparato boccale masticatore, sono in grado di perforare gli involucri con le loro minuscole mandibole, penetrando all’interno delle confezioni e contaminandole di escrementi, bave sericee ed exuvie. L’avvio di una campagna di attento monitoraggio di questi insetti è perciò fondamentale in tutte le industrie alimentari dove sono lavorati alimenti graditi a queste specie.

Il Gruppo SGD fornisce alle industrie alimentari servizi professionali utili alla prevenzione delle infestazioni da Piralidi procedendo all’installazione di stazioni di monitoraggio specifiche per queste specie. I nostri tecnici provvederanno al posizionamento di lampade UV e di trappole con attrattivi sessuali (feromoni) appositamente studiate per la cattura di questi insetti nocivi. L’installazione di questi dispositivi è inoltre estremamente sicura in ogni contesto industriale poiché non utilizzano alcuna sostanza velenosa.

Inoltre, anche in questo caso è prevista l’esecuzione di monitoraggi programmati e l’invio dei dati raccolti al responsabile dell’azienda, nel pieno rispetto del protocollo HACCP.